Archivio per ottobre 2012

quid est veritas?

 

fa che non sia un sogno

questa lenta cronaca dell’appartenenza

lasciami vivere al margine dei tuoi desideri

 

fa che sia per sempre

questo sentiero schiarito dal bagliore tenue delle lucciole

rendimi polvere sulle tue labbra

 

portami con te.

Annunci

9 commenti

il tuo cuore in rovina.

 

il tuo cuore in rovina per il sonno che non torna

oggi non vuole che piova.

dice che due mani lontane

non se ne fanno niente dell’acqua che cade oltre la finestra

dice che due gole assetate

non possono bere l’acqua che cade lontana.

 

il tuo cuore in rovina lascialo a me

prestamelo interno,

lascia che lo curi,

quando lo riavrai sarà di nuovo perfetto

tornerà a commuoversi attraverso i tuoi occhi

e ancora a ridere con quella tua voce bassa

che sempre m’innamora.

 

5 commenti

place to be.http://www.youtube.com/watch?v=GzzTlGr7kxo&feature=related

 

e se è sabbia quella che mi entra negli occhi

è perchè tu soffi con troppa violenza sull’asfalto

e lo rendi polvere.

4 commenti

autunno

se i petali dei fiori appassiscono

non voglio che il mio cuore sia rosso come una rosa

 

possa essere, invece, bianco come una perla

pieno

e possa restare fermo negli anni ad aspettarti.

2 commenti

vestimi di te.

il mio corpo non riesce a nascondere

ma tu non stare in pena

é mattino e giá ti appartengo.

3 commenti

non viveva per fare del male.

non viveva per fare del male

non era neanche bravo a sentirsi violento

costruiva eserciti di mostri per doversene difendere

e andare a letto, a sera, con gli occhi ancor pieni di battaglia

 

aveva un guscio che gli serviva da scudo

non voleva piú neanche parlare per concentrarsi sui rumori dei nemici

e solo al mattino

quando ancora il suo corpo non voleva rispondere al pensiero

schiudeva la corazza di pelle e paure e si scopriva a respirare

vivo.

3 commenti

onomastico.

luce

che resti tale anche nella nebulosa della mia vita

luce

che disegni mappe di nei sulla sua pelle per farmela imparare a memoria

luce

che distruibuisci le ore lungo le ascisse dei miei pensieri d’amore

 

Tu dagli dolcezza soltanto

io ti restituirò gratitudine.

 

Lascia un commento