Archivio per aprile 2011

per brevi distanze

perchè le lunghe non sono mai sufficienti a cancellare le nostalgie

Fuochi fatui che non possono spegnersi, le lettere si avvicendano una dopo l’altra mentre la materia dei sogni perde forma e si dilegua.

polline come neve

entra nelle narici

nel sangue

viene via insieme all’anima in uno starnuto.

giorni troppo lunghi e piatti rotti che non possiamo più ricomprare.

2 commenti

l’universo ha i suoi respiri

qualcuno disse che gli incroci sono i luoghi più incomprensibili dell’universo

tu dicesti che anche l’universo ha i suoi respiri

e nacque il silenzio.

2 commenti

in exiguum aevi gignimur

aveva imparato a nascondersi così bene che neanche la luce del sole riusciva a scovarla.

1 Commento

resoconto.

adoravo guardare vecchie foto aspettando che sbocciasse il giorno

tu portavi sempre maglie a righe rosse e nere, a volte un solo guanto.

parlavamo di metafisica, annunciavi futuri grigi, giorni rarefatti e nebbiosi; passavo le ore ad ascoltare il suono della tua voce senza prestare troppa attenzione alle parole.

2 commenti

la discrezione dell’aria

furono vortici tragici, febbrili silenzi colmi d’attesa

ma

torno a casa, curo le assenze, coltivo speranze.

dimentico il resto.

2 commenti

La Luna era troppo piena, sarebbe stata sufficiente a riempire il tuo cuore e il mio.

s’intuivano brame d’infinito nei nostri silenzi, mentre qualcuno bestemmiava e “altri s’impiccavano in garage”.

2 commenti

ragnatele

mi dici che manco di stabilità, che ti lascio senza una parola o un gesto, sospeso nel silenzio di una Primavera ancor gelida.

Disimparare a fuggire da me stessa per metterti al corrente della cronaca nera dei miei sogni monchi, con voci fuori campo che sono sempre poco chiare.

Il labirinto delle pelli morte delle nostre anime non ci lascia più uscire.

4 commenti